Prendete una bambina adottata.
Fatele dire dai genitori adottivi che il vero padre (che abusava del fratello che è sparito) è morto.
Cambiate scena.
La bambina è diventata donna e ha sposato il figlio della famiglia che la ha adottata, ma subito, al ritorno da una cena il figlio sparisce.
Arriva il poliziotto gay che ha la storia con un insegnante, che però vorrebbe chiedere alla poliziotta sua collega innamorata di lui se potesse far finta di essere la sua fidanzata da presentare al padre che dopo aver seppellito tre mogli sta arrivando a Bolzano da Bologna.
Nel frattempo una scopata tra i due ci esce.
Arriva il padre che è all’ultimo stadio di un cancro.
E siamo solo all’inizio.

Poi ci si aspetta la bella figheira, Pedro, l’anatomopatologo simpatico e la fredda nordica pilota di auto da corsa.

Sapete di cosa sto parlando?

 

P.S.: che si sia a Bolzano lo si deduce solo dal fatto che ad un certo punto si sa che nevica e che vengono citate località vicine.

 

Annunci