per me don Gallo, non era “il prete che s’è fatto uomo”, per me era un uomo che si era fatto prete non dimenticandosi di essere uomo

adesso “ci hanno rubato il prete”, lo dirà tutto il paese e non solo il carmine

era così, come lo si vedeva in pubblico o in tv: lui raccontava anche attraverso le sue mani ossute che non smetteva mai di muovere, che non potevi non guardare mentre parlava

se lo incontravi per la strada, se stavi lavorando con lui, se lo andavi a trovare coi ragazzi del teatro, se gli tenevi compagnia mentre aspettava di entrare in studio per l’intervista o il collegamento, ti parlava, senza la pretesa di insegnare niente.
se imparavi, era merito tuo.

ciao don gallo, ci hai fatto un vero scherzo da prete

Annunci