Tag

, ,

Vorrei scrivere ma non ho tempo (e neppure l'umore adatto a cercare di farvi ridere: la settimana scorsa è stata foriera di nefaste vicende).

I miei nervi sono un po' provati e le spalle  tese come la corda di una balestra.

Vi propongo quindi un post del giugno 2009: l'argomento del post ri-postato è un sempreverde e mi pare in sintonia con questi lunghi momenti di vuotitudine e con il post precedente.


Dove finiscono i blogger che non bloggano più?
Esiste un bloggostero?
Dove vanno le migliaia di anime di avatar in disuso?
I blogger sono come Gesù Cristo che al terzo giorno risorgono?
Le blogger amanti sputtanate dalle mogli degli amanti poi tornano a scrivere?
E le blogger mogli che hanno sputtanato le amanti dei mariti?

I blogger ai quali pubblicano un libro, poi diventano famosi o si nascondono per sempre perché non hanno venduto un cazzo?
Perché ci sono blogger che scrivono solo per prendere un po’di mussa/e/o/cazzo stracciando i coglioni all’universo mondo e quando si fidanzano, una volta raggiunto il nirvana, invece di allietare i lettori – ai quali dovrebbero un minimo di riconoscenza – spariscono?
Perché alcuni blogger – in modo compulsivo – aprono, chiudono, chiudono, aprono, cancellano, aprono, chiudono, ripristinano… lettera e testamento?
Perché le blogger cozze hanno perennemente il blog intasato da immagini di fiche stratosferiche?
Perché il blogger che chatta è in genere noioso come la merda in letto?
Perché le blogger abbandonate dai blogger continuano a rompere i coglioni ai blogger dai quali sono state lasciate? 
E perché a fare questo in genere sono quasi esclusivamente le donne che mi fanno una rabbia che le prenderei a testate?
Perché i/le blogger che scrivono racconti erotici in genere ti fanno sbellicare dalle risate?

Magari non gliene frega un cazzo a nessuno, ma
nel 1971 a Un disco per l'estate partecipava questa canzone

Annunci