Tag

Ho un mal di pancia tremendo.
Come se avessi Alien, come cazzo si dice, alla 3.
Un robo che si muove all’interno, a volte arriva al cuore, lo tocca – come quando i bambini toccano il muro per dire “ce l’hai” –  e poi torna giù.
Non fischia, non guaisce, non fa rumore d’aria (non mi fa né scoreggiare né ruttare, insomma).
Non emette neppure quei terribili latrati da dimostrazione di fame.
E’ silenzioso: una merda silenziosa.
Ci sono le trasformazioni, le mutazioni, i cicli dell’acqua, e le ere geologiche.
I terremoti, i maremoti, gli tsunami, le dighe che tracimano, la merda che esce dal gabinetto quando hai la braga ostruita dal tuo vicino di sopra che ha fatto fare i lavori da un imbecille incapace.
Ci sono esondazioni epocali e cambiamenti minimali.
Ma non è per il fatto che siano minimali, che non ti diano il segno di quanto tutto cambi.
Ecco, sono proprio gli ultimi le ragioni del mio mal di pancia.

Annunci