Tag

Ennesima puntata di annozero. Alle 22,30 non ce l’ho fatta piu’. Mi sono scese un po’ di lacrime e mi sono arresa. Occhiali e libro e sono andata a letto. Questa volta non sono state le parole, neppure le ho sentite. Sono state le immagini. Quelle di Napoli.
Io Napoli non l’ho mai vista. f. mi dice, e’ bella, molto bella. Io dico, deve assomigliare a Genova, lui dice, molto molto piu’ bella di Genova.
Io la immagino. L’ho sempre vista solo nei film. La immagino e penso a quanto debba fare male a chi la vive, a chi la ama, anche da lontano.
No so di chi sia la colpa. Non sta a me capirlo.
A volte penso che non ne usciremo mai. Da questa e da altre situazioni.
Non e’ questione di colore. Solo di un modo di fare incancrenito, che sta bene a tutti, a chi governa e a chi e’ piu’ o meno governato.
Ad ogni denuncia di qualche malefatta (ma e’ dir poco) mi aspetto una sollevazione popolare, o per lo meno un inchiesta, che qualcosa accada, che si vada a fondo.
Niente. Un nulla assoluto. I giornali continuano ad essere pieni di gossip.
I Tg si occupano di quella notizia uscita, piccola piccola sul giornale, dopo due settimane.
Ho un forte mal di stomaco, e non e’ dovuto alla zuppa di cipolla che mi sono preparata ieri sera.


Napule è mille culure
Napule è mille paure
Napule è a voce de’ criature che
saglie chianu chianu
e tu sai ca’ nun si sulo
Napule è nu sole amaro
Napule è addore e’ mare
Napule è na’ carta sporca e nisciuno
se ne importa e
ognuno aspetta a’ sciorta
Napule è na’ camminata
int’ e viche miezo all’ate
Napule è tutto nu suonno e a’ sape tutto o’ munno ma
nun sanno a’ verità.
Napule è mille culure.

(P. Daniele)

Annunci