Tag

,

io-a-gattorna

Il mal di testa impazza, le idee non ci sono e allora lascio qui una delle rarissime foto che mi vede sorridente. L’effetto nanitudine è dovuto al vestitino. Sono molto affezionata a questa foto scattata a Gattorna, “nei bassi” (chiedete al profeta Walp, che dovrebbe saperne). La scala che portava alla casa non esiste più, la casa è stata completamente rifatta. Ho passato momenti bellissimi in questo luogo. Un giorno racconterò di giocattolini fatti con gli scovolini per pipe, di “24.000 baci” suonato dal juke box  (*) e della nonna Angiolina…

 

(*) qui (almeno credo…)

DCF 1.0

DCF 1.0

Annunci